41–50 di 59 risultati

Ordina per:
  • Il centuplo quaggiù (ePub) di: 7,00 IVA inclusa

    “Dedicato a tutte quelle coppie che vogliono intraprendere la strada dell’adozione e hanno bisogno di risposte non solo tecniche, ma anche emotive. Dedicato a quelle famiglie che hanno sperimentato l’adozione e si ritrovano a rivivere il viaggio della speranza, le paure, le incertezze, la felicità e la gioia di essere genitori”.

    È dedicato soprattutto a queste persone qui, indicate nell’introduzione firmata dai fondatori di Ai.Bi. Marco Griffini e Irene Bertuzzi, ma anche a molti altri, il libro scritto a due mani da Laura Debolini e Filippo Fiani, sposi con un desiderio che li ha sempre accompagnati, fin dai tempi del fidanzamento: accogliere la vita, aprire la propria casa e la propria famiglia a chi ne ha più bisogno.

    “Il centuplo quaggiù. Adozioni internazionali e tanta Provvidenza” è un alternarsi esilarante di vicende legate all’avventura tutt’altro che semplice o scontata che i due autori hanno vissuto per adottare i loro bambini: Maria Pilar e Samuèl, entrambi peruviani.

    Laura e Filippo, già abituati a raccontare in presa diretta i loro viaggi e le peripezie nei labirinti burocratici e non delle adozioni internazionali tramite la loro attività di blogger, hanno confezionato un libro capace al tempo stesso di coinvolgere il lettore e informarlo in maniera divertente su un tema complesso, di cui si sente spesso parlare in maniera superficiale e senza cognizione di causa.

    Scene di vita quotidiana, magari viste da entrambi i punti di vista, quello del marito e quello della moglie, si alternano a riflessioni di natura più teorica e “tecnica”. Il tutto raccontato con una lingua schietta e colorita, e condito da tanta fede nella Provvidenza ripagata in maniera esorbitante da una sorpresa finale…

  • Il centuplo quaggiù (Kindle) di: 7,00 IVA inclusa

    “Dedicato a tutte quelle coppie che vogliono intraprendere la strada dell’adozione e hanno bisogno di risposte non solo tecniche, ma anche emotive. Dedicato a quelle famiglie che hanno sperimentato l’adozione e si ritrovano a rivivere il viaggio della speranza, le paure, le incertezze, la felicità e la gioia di essere genitori”.

    È dedicato soprattutto a queste persone qui, indicate nell’introduzione firmata dai fondatori di Ai.Bi. Marco Griffini e Irene Bertuzzi, ma anche a molti altri, il libro scritto a due mani da Laura Debolini e Filippo Fiani, sposi con un desiderio che li ha sempre accompagnati, fin dai tempi del fidanzamento: accogliere la vita, aprire la propria casa e la propria famiglia a chi ne ha più bisogno.

    “Il centuplo quaggiù. Adozioni internazionali e tanta Provvidenza” è un alternarsi esilarante di vicende legate all’avventura tutt’altro che semplice o scontata che i due autori hanno vissuto per adottare i loro bambini: Maria Pilar e Samuèl, entrambi peruviani.

    Laura e Filippo, già abituati a raccontare in presa diretta i loro viaggi e le peripezie nei labirinti burocratici e non delle adozioni internazionali tramite la loro attività di blogger, hanno confezionato un libro capace al tempo stesso di coinvolgere il lettore e informarlo in maniera divertente su un tema complesso, di cui si sente spesso parlare in maniera superficiale e senza cognizione di causa.

    Scene di vita quotidiana, magari viste da entrambi i punti di vista, quello del marito e quello della moglie, si alternano a riflessioni di natura più teorica e “tecnica”. Il tutto raccontato con una lingua schietta e colorita, e condito da tanta fede nella Provvidenza ripagata in maniera esorbitante da una sorpresa finale…

  • Ma cosa mi sono messa in testa di: 12,00 IVA inclusa

    L’autrice, Arianna Lorenzetto, racconta un’esperienza autobiografica: quella di essersi trovata per necessità ad indossare una parrucca e a gestire la comunicazione con gli altri attraverso questo elemento estraneo.

    Di qui le storie narrate nel libro: l’incontro con il panettiere, il politico, il venditore, la bambina, la cameriera…

    Con una parrucca in testa le relazioni assumono delle pieghe talvolta inaspettate e permettono di scrutare l’interlocutore quasi dal di fuori.

    I racconti traggono spunto da storie realmente accadute e ci conducono in un mondo fatto di ironia e di autoironia, indispensabili per guardare avanti nonostante tutto.

    “Sono storie – spiega l’autrice – nelle quali la sofferenza si accompagna al sorriso, un sorriso utile a ciascuno di noi e non solo a chi si trova nelle situazioni descritte”.

    Il libro è stato realizzato con il contributo del Comune di Arzignano e del Comitato Andos Ovest Vicentino Onlus a cui andrà il ricavato della vendita delle copie.

     
    Di Arianna Lorenzetto

    112 pagine

    Tempi di spedizione: 5-10 giorni lavorativi

    Costo di spedizione: euro 3,90 (max 4 copie)*

    *Per ordini superiori alle 4 copie o per altre modalità di pagamento contattare ordini@bericaeditrice.it

     

  • Ma cosa mi sono messa in testa (formato epub) di: 6,00 IVA inclusa

    L’autrice, Arianna Lorenzetto, racconta un’esperienza autobiografica: quella di essersi trovata per necessità ad indossare una parrucca e a gestire la comunicazione con gli altri attraverso questo elemento estraneo.

    Di qui le storie narrate nel libro: l’incontro con il panettiere, il politico, il venditore, la bambina, la cameriera…

    Con una parrucca in testa le relazioni assumono delle pieghe talvolta inaspettate e permettono di scrutare l’interlocutore quasi dal di fuori.

    I racconti traggono spunto da storie realmente accadute e ci conducono in un mondo fatto di ironia e di autoironia, indispensabili per guardare avanti nonostante tutto.

    “Sono storie – spiega l’autrice – nelle quali la sofferenza si accompagna al sorriso, un sorriso utile a ciascuno di noi e non solo a chi si trova nelle situazioni descritte”.

    Il libro è stato realizzato con il contributo del Comune di Arzignano e del Comitato Andos Ovest Vicentino Onlus a cui andrà il ricavato della vendita delle copie.
     
    Di Arianna Lorenzetto

    *Per ordini superiori alle 4 copie o per altre modalità di pagamento contattare ordini@bericaeditrice.it

     

  • Ma cosa mi sono messa in testa (formato Kindle) di: 6,00 IVA inclusa

    L’autrice, Arianna Lorenzetto, racconta un’esperienza autobiografica: quella di essersi trovata per necessità ad indossare una parrucca e a gestire la comunicazione con gli altri attraverso questo elemento estraneo.

    Di qui le storie narrate nel libro: l’incontro con il panettiere, il politico, il venditore, la bambina, la cameriera…

    Con una parrucca in testa le relazioni assumono delle pieghe talvolta inaspettate e permettono di scrutare l’interlocutore quasi dal di fuori.

    I racconti traggono spunto da storie realmente accadute e ci conducono in un mondo fatto di ironia e di autoironia, indispensabili per guardare avanti nonostante tutto.

    “Sono storie – spiega l’autrice – nelle quali la sofferenza si accompagna al sorriso, un sorriso utile a ciascuno di noi e non solo a chi si trova nelle situazioni descritte”.

    Il libro è stato realizzato con il contributo del Comune di Arzignano e del Comitato Andos Ovest Vicentino Onlus a cui andrà il ricavato della vendita delle copie.
     
    Di Arianna Lorenzetto

    *Per ordini superiori alle 4 copie o per altre modalità di pagamento contattare ordini@bericaeditrice.it

     

  • Nella mia Città (formato ePub) di: 0,00
    Terza edizione del concorso letterario “Nella mia Città”, organizzato dall’Associazione Il Grifo e il Leone e condiviso dall’Amministrazione comunale di Arzignano.
    L’obiettivo del progetto è stimolare la scrittura e la riflessione degli studenti dell’ITIS “Galilei” e del Liceo “L. Da Vinci” sulla città in cui studiano e vivono.
    Il tema del 2016 è stato il cibo ed è stato affrontato a 360°: per alcuni solo come sfondo, per altri come motivo per ripercorrere la storia di alcune aziende locali o affrontare argomenti delicati fra i quali l’anoressia, come nel caso del racconto “Un nuovo inizio” di Giulia Bastianello, premiato da una giuria di qualità composta da: Stefano Cotrozzi, direttore del Corriere Vicentino; Mauro Pasquali, presidente di Slow Food Veneto; Alberto Fabris, opinionista del Corriere Vicentino; Giuseppe Signorin, direttore editoriale di Berica Editrice.
    Racconti degli studenti dell'ITIS “Galilei” e del Liceo “L. Da Vinci” di Arzignano (VI).
  • Nella mia città. Storie sotto pelle 2017 (formato ePub) di: 0,00 IVA inclusa

    Quarta edizione del concorso letterario “Nella mia città” rivolto agli studenti della città di Arzignano. Sin dalla prima edizione il progetto si propone di stimolare la scrittura e la riflessione degi studenti delll’ ITIS “Galilei” e del Liceo “L. Da Vinci”.
    Il conscorso è organizzato dall’Associazione “Il Grifo e il Leone” in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Arzignano.

    Il tema scelto per questa edizione 2017 è la pelle. Tema tanto caro al territorio arzignanese che ha visto gli studenti cimentarsi in racconti di prosa e poesie che avessero la pelle come colonna portante delle loro produzioni scritte.
    La giuria composta da Giacomo Zorzi di Unic (Unione nazionale industria conciaria), Stefano Cotrozzi del Corriere Vicentino e Giuseppe Signorin di Berica Editrice ha premiato un racconto molto emozionante dal titolo “A fior di pelle” scritto da Eleonora Savoiani, studentessa dell’istituto Galilei.

  • Nella mia città. Storie sotto pelle 2017 (formato Kindle) di: 0,00 IVA inclusa

    Quarta edizione del concorso letterario “Nella mia città” rivolto agli studenti della città di Arzignano. Sin dalla prima edizione il progetto si propone di stimolare la scrittura e la riflessione degi studenti delll’ ITIS “Galilei” e del Liceo “L. Da Vinci”.
    Il conscorso è organizzato dall’Associazione “Il Grifo e il Leone” in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Arzignano.

    Il tema scelto per questa edizione 2017 è la pelle. Tema tanto caro al territorio arzignanese che ha visto gli studenti cimentarsi in racconti di prosa e poesie che avessero la pelle come colonna portante delle loro produzioni scritte.
    La giuria composta da Giacomo Zorzi di Unic (Unione nazionale industria conciaria), Stefano Cotrozzi del Corriere Vicentino e Giuseppe Signorin di Berica Editrice ha premiato un racconto molto emozionante dal titolo “A fior di pelle” scritto da Eleonora Savoiani, studentessa dell’istituto Galilei.

  • Storia di Nicola Rezzara e fumetti di Ivan Bigarella

    Paolino di Riciclandia – Il ritorno di quelli di Lercio (formato ePub) di: 0,00 IVA inclusa

    Paolino è cresciuto e si trova ad affrontare una pericolosa avventura per difendere il suo paese, Riciclandia.
    Fumetto per Agno Chiampo Ambiente dedicato agli studenti delle scuole primarie.

  • Pepolando (ePub) di: Paolo Fongaro 10,00 IVA inclusa

    Un incubo può diventare un sogno.

    Da una promessa fatta per ringraziare, nasce – come per magia – la splendida avventura di un Cammino da Assisi a Roma, da Francesco a Francesco. Cinque amici – Paolo Fongaro, Paolo Zorzi, Luciano Ponte, Giovanni Costa e Alberto Terraroli – indossano gli abiti umili ed essenziali degli antichi pellegrini, intraprendendo un viaggio straordinario attraverso un’Italia “minore” e tutta da scoprire. Una caleidoscopica cinquina di personaggi, uomini tra di loro diversissimi, accomunati da un’incredibile passione: pepolare, con il cuore gonfio di riflessioni ed emozioni, ma con lo sguardo sempre attento, spalancato al futuro. Il tutto condito con gioviale leggerezza ed il sapore inimitabile dell’amicizia sincera. Un viaggio con il corpo, ma soprattutto nell’anima e nella spiritualità, alla ricerca di risposte a domande tra le più scomode e difficili. Duecento chilometri travolgenti, pepolati anche tentando di farsi amiche la fatica e la sofferenza. Lungo un milione di passi non mancano incontri con persone eccezionali, chiamate da misteriosi disegni della Provvidenza a vivere esperienze tremende, però capaci di trasformare il dolore in sorrisi. Di dare luce al buio. Scrive Davide Gandini: “Il pellegrino è colui che cerca, accettando l’incalcolabile rischio di trovare veramente. A differenza di tutti gli intellettuali che cercano per cercare, ma in fondo hanno paura di trovare. Perché trovare significa non essere più quello che si era prima. È cambiare. È morire. Per rinascere!”. Pepolando è una dichiarazione di guerra alla banalità, un inno all’amicizia ed al futuro, un peana di vittoriosa speranza. Uno scrigno di piccoli e grandi tesori da centellinare nella quotidianità. Però Pepolando è soprattutto una concreta occasione di solidarietà, visto che il suo intero ricavato contribuirà ad alcuni bellissimi progetti che si impegnano a regalare un sorriso a tanti bambini. Un gruppo di amici, un pellegrinaggio, una pagina Facebook e ora un libro. L’avventura di “Pepolando – Da Francesco a Francesco” non ha nessuna intenzione di fermarsi. ULTREYA!

    IL RICAVATO DEL LIBRO ANDRÀ COMPLETAMENTE IN BENEFICENZA